Vai al contenuto

EX LIBRIS 332 (tecnici della distruzione)

2 dicembre 2018

Primavera

Conosco bene una certa strada, dove il paesaggio naturale è allietato da filari di ontani, viburni, felci dolci e ginepro che, ad ogni stagione, si vestono di nuovi fiori sgargianti, in autunno, mettono in mostra ricchi grappoli di bacche. Non vi era, in essa, alcun traffico intenso e, ad ogni modo, ben poche erano le curve strette o gli incroci in cui i cespugli potessero impedire la visuale agli automobilisti, Ma con l’arrivo degli erbicidi quella strada è diventata un nastro d’asfalto da percorrere in fretta, un panorama da sopportare cercando di non pensare al mondo sterile e brutto che permettiamo che i nostri tecnici ci preparino. Tuttavia, qua e là, le autorità avevano “mancato al loro dovere”, cosicché, nonostante i piani per la completa eliminazione della vegetazione superflua, alcune inesplicabili dimenticanze permisero la sopravvivenza di qualche oasi piena di attrattive – ciò che rende ancora più intollerabile la profanazione perpetrata lungo quasi tutta la nostra rete stradale. In queste isole di verde il mio spirito può ancora rasserenarsi alla vista delle estensioni di bianco trifoglio o delle nubi purpuree di veccia in mezzo alle quali spuntano i rosseggianti calici del Trillium.

Queste piante sono “erbacce” soltanto per coloro che fanno affari vendendo i prodotti chimici, oppure accaparrandosi l’appalto per le disinfestazioni. Negli “Atti” d’uno dei molti congressi sul controllo delle erbe infestanti, che vengono ormai regolarmente organizzati, ho letto una volta uno stupefacente principio filosofico sugli erbicidi. Il suo assertore sosteneva la necessità di distruggere anche le piante utili ” semplicemente perché esse sono in cattiva compagnia”, ed aggiungeva parlando di coloro che si rammaricavano per la scomparsa dei fiori selvatici lungo i bordi delle strade: “Mi ricordano quelli che osteggiavano la vivisezione: per essi, a giudicare dal loro comportamento, la vita d’un cane randagio è più sacra della vita di un bambino.”

Annunci
No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: