Vai al contenuto

Ex Libris 311 (gente sostenibile)

22 aprile 2018

Per cavarsela, le piante hanno dovuto affinare nuove strategie per colonizzare la terraferma, dalle aree più fertili fino alle nicchie più inospitali per aridità, illuminazione, temperatura, competizione. Senza voce né muscoli hanno trovato il modo per coordinarsi, per comunicare, per farsi la guerra. Ottenendo di fatto ogni cosa dal niente, dato che lavorano solo con l’aria, con l’acqua e con pochi sali minerali, riuscendo a riciclare quasi tutto e producendo sistemi a ciclo chiuso la cui efficienza nella gestione del rischio e delle risorse dovrebbe fare invidia a ingegneri ed economisti. Sono migliori di noi – non ammetto contestazioni a riguardo – e, mi si perdoni il bias, hanno già trovato una soluzione sostenibile a quasi tutti i crucci che arrovellano l’uomo contemporaneo. In tutto questo noi, anziché copiarle come dovremmo, ci ostiniamo a voler fare di testa nostra.

Annunci
No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: