Vai al contenuto

Ex Libris 291 (E certo, è proprio colpa dei pappagallini. O delle nutrie. O delle robinie. O…)

22 ottobre 2017

A volte ho la sensazione che per molti addetti ai lavori, il problema della conservazione della biodiversità in Italia si riduca a studiare i sistemi più macchinosi e costosi per eliminare pappagalli e testuggini dalle guance gialle, e che passi in secondo piano, nelle politiche per la tutela della biodiversità, il fatto che il territorio italiano perda ogni anno cinquantamila ettari di boschi e campagne a causa della cementificazione, che i fiumi siano stravolti da opere di regimazione idraulica o siano ancora inquinati, che nei campi si distribuiscano veleni, che bracconieri e cacciatori troppo esuberanti continuino ad avere un forte impatto su molte specie.

Non è paragonabile l’impatto sulla biodiversità frutto delle devastazioni ambientali, con quello causato dai pappagalli alieni: non scherziamo e non offriamo alibi a chi distrugge fiumi e selve primigenie, dune e prati, piccoli stagni o grandi paludi.

Salva

No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: