Skip to content

Ex Libris 251 (perdendosi)

6 novembre 2016

win_20161106_123748

E a un certo punto succede davvero. Lo schermo comincia a scintillare e lei si ritrova di colpo, per non dire con violenza, in una regione avvolta in un perenne crepuscolo, di sentore periferico; non più in treno, niente più allegri macchinisti né staff ancillare curvilineo, strade semideserte e sempre peggio illuminate, quasi si permettesse ai lampioni di spegnersi uno a uno e al regno della notte di ristabilirsi per attrito. Al di sopra di queste cupe strade, torri frattali dall’equilibrio apparentemente impossibile brancolano come vegetazione boschiva verso una luce che giunge solo indirettamente a questo livello…

Si è persa. Non ci sono cartine da consultare. Non è come perdersi in una delle romantiche mete per turisti del mondo in carne e ossa. Qui i casi di serendipità sono improbabili, solo una sensazione che lei ravvisa dai sogni, il senso di qualcosa, non necessariamente piacevole, che sta per accadere.

No comments yet

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: