Skip to content

Ex Libris 251 (perdendosi)

6 novembre 2016

win_20161106_123748

E a un certo punto succede davvero. Lo schermo comincia a scintillare e lei si ritrova di colpo, per non dire con violenza, in una regione avvolta in un perenne crepuscolo, di sentore periferico; non più in treno, niente più allegri macchinisti né staff ancillare curvilineo, strade semideserte e sempre peggio illuminate, quasi si permettesse ai lampioni di spegnersi uno a uno e al regno della notte di ristabilirsi per attrito. Al di sopra di queste cupe strade, torri frattali dall’equilibrio apparentemente impossibile brancolano come vegetazione boschiva verso una luce che giunge solo indirettamente a questo livello…

Si è persa. Non ci sono cartine da consultare. Non è come perdersi in una delle romantiche mete per turisti del mondo in carne e ossa. Qui i casi di serendipità sono improbabili, solo una sensazione che lei ravvisa dai sogni, il senso di qualcosa, non necessariamente piacevole, che sta per accadere.

Annunci
No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: