Skip to content

Ex Libris 217 (ombre)

24 gennaio 2016

WIN_20160121_145747

C’è un’altra Roma, di notte. Che non è quella che fa tardi ai cinema, ai concerti, alle feste, ai raduni di vario genere. O quella dell’insonnia. È quella che fa del silenzio la sua arma migliore. Che non ha paura delle ombre, perché essa stessa è un’ombra.

«Stavano neri al lume della luna / gli erti cipressi, guglie di basalto, / quando tra l’ombre svoltò rapido una / ombra dall’alto: / ombra sognata d’un volar di piume, / orma di un soffio molle di velluto, / che passò l’ombre e scivolò nel lume / pallido e muto»: Giovanni Pascoli, La civetta.

Nella Roma di notte vivono altre comunità, nonostante la luce dei lampioni o, all’opposto, grazie ad essa. La notte è dei gufi, delle volpi, dei rospi, delle falene. Dei pipistrelli. Dei fiori che si chiudono, del profumo degli alberi.

No comments yet

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: