Quando ancora la rete era per Vale un mondo infido e tutto da scoprire…

Ho appena iniziato ad addentrarmi nell’oscuro regno del web.
Dannato www, come cantava il profeta, e a ragione.
Mi compaiono continuamente delle finestrelle con su scritto se voglio chattare con quelli che vengono a farmi visita.
All’inizio non ci facevo molto caso, ma le finestrelle non danno tregua…
Vogliono la tua attenzione, il tuo tempo, e se non stai attento, ti risucchiano nella loro sfera di influenza, e non ti lasciano uscire più.
Io sono caduta in una loro trappola.
Ho aperto la chat.

Dannato www, diceva il profeta.

Ho iniziato salutando.
Mi ha risposto un trillo melodioso, che mi ha salutato.
Ho chiesto al trillo chi fosse.
Mi ha risposto chiedendomi chi fosse.
Gli ho detto: e allora?
Mi ha risposto: e allora?
Spazientita, ho chiesto: ma perchè ripeti quello che dico io?
E il trillo melodioso: ma perchè ripeti quello che dico io?

Ho fatto caso, allora, all’intestazione:
“valentinamente”.

Dannato www…