Skip to content

Ex Libris 187 (fungo)

17 maggio 2015

WIN_20150517_105617

Se non fossi un essere umano, sarei un fungo. Un fungo indifferente, insensibile, dalla pelle fredda, viscida, duro e delicato al tempo stesso. Crescerei sugli alberi abbattuti in un’atmosfera cupa e ostile, sempre in silenzio, e con le mie dita da fungo ne succhierei gli ultimi resti di sole. Crescerei su ciò che è morto. Penetrerei in quel torpore fino alla nuda terra – e là le mie dita da fungo si arresterebbero. Sarei più piccola di alberi e arbusti, ma svetterei sui mirtilli. Sarei effimera, ma lo sono anche come essere umano. Non avrei alcun interesse per il sole, non lo seguirei con lo sguardo, non ne attenderei più il sorgere. Desidererei solo l’umidità, esporrei il mio corpo alle nebbie e alla pioggia, condenserei su di me l’aria umida. Non distinguerei la notte dal giorno… che senso avrebbe?

No comments yet

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: