Skip to content

Ex Libris 149 (musica indiana)

9 agosto 2014

WIN_20140731_110228

Non avevo mai sentito di un indiano che suonasse il piano sino a che Victor acquistò un piano a mezzacoda al mercato delle pulci e lo portò nella riserva con un camioncino del BIA. Per tutta l’estate lo strumento si impregnò di pioggia sino a gonfiarsi come un bel tumore. Gli chiesi ripetutamente: «Victor, quando ti decidi a suonare quel coso?» Lui sorrideva, borbottava una qualche inintelligibile preghiera, poi mi sussurrava nell’orecchio: «C’è un giorno per morire e un giorno per suonare il piano». Proprio prima della festa Victor spinse il piano per metà della riserva, lo appoggiò a un pino, fletté i muscoli, fece scrocchiare le nocche e martellò un pezzo di Béla Bartók. Nel lungo silenzio che seguì l’esibizione, con le splendide dissonanze e il sotteso messaggio di sopravvivenza, gli indiani Spokane piansero, colpiti da quella musica strana e tuttavia familiare.

Advertisements
No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: