Skip to content

Un “prima e dopo” botanico

11 giugno 2014

Abbiamo scoperto che i gerani resistono. Sì, insomma, per lo meno qui sotto, nella vasca. Chi lo avrebbe mai detto? Dopo anni passati a provare qualsiasi pianta da ombra, mai abbastanza ombrofila però da sopportare di vivere a Silent Hill (non sarà mica che è l’aria del paese a essere mefitica)? In ogni modo, loro no, loro prosperano alla grande. E così ho pensato di prendere qualche altra piantina.

Quindi ecco a voi, i prima:

P1040333

P1040336

P1040334

E i dopo (c’è in mezzo anche un Gatta piccola curiosa):

P1040352

P1040346

P1040350
(Al vivaio c’erano anche dei bellissimi Pelargonium roseum, e adesso mi dispiace proprio per non averli presi: ho appunto un’altra balconetta vuota, che sta lì sola, annoiata, e starebbe benissimo accanto al parigino. Sarà per la prossima volta.)

Annunci
3 commenti leave one →
  1. 11 giugno 2014 14:40

    Per i parigini, basta che a fine stagione li accorci, li togli dal terreno e li appendi con le radici in alto in cantina. A primavera, quando arrivi verso gli 8 gradi, li rimetti in terra e ripartono meglio dell’anno prima 🙂 per tutti gli altri, basta che li accorci e metti un po’ di paglia nei vasi. Anche se alcuni li tolgono dalla terra come sopra, in realtà la pratica serve solo per i parigini, gli altri possono restare nella terra (parola di moltiplicatrice di geranei 😀 )

  2. 11 giugno 2014 14:41

    e grattini di simpatia ai due curiosoni eh! sono bellissimi!

  3. 14 giugno 2014 17:32

    Ma va? Non avevo mai sentito questa pratica! E non seccano? E arriveranno a fare il mucchione pieno pieno di fiorellini tipo baita alpina? XD

    Pensa che io i gerani li avevo sempre un po’ snobbati, che donna stupida, eh? Due anni fa ho detto, ma sì, prendiamone qualcuno per quel disastro di vasca, tanto costano due euretti al vivaio, almeno mi rallegrano un po’ l’estate, e l’inverno pazienza, il prossimo anno li ricomprerò. Perché lì, in quella vasca, ho provato a tenerci un po’ tutto, dalle piante che amano la penombra a quelle che vogliono solo l’ombra perenne: niente, niente niente niente. Non ci sopravviveva niente.

    Invece l’anno scorso erano ancora lì, tanto che la vicina mi chiese se poteva prenderne qualche rametto per fare le talee (prendi pure senza chiedere, le ho detto) e st’anno li vedi nella foto linkata all’inizio: stanno così, ecco. Sto cercando info su come potarli, o gestirli, o tenerli a selva geraniosa. E che bello, un sacco di ospiti, dai ragni alle chiocciole!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: