Skip to content

These are the songs of my life: New New Wave(s) Edition

30 aprile 2014

Poi venne il momento che nel nuovo millennio gli orfani della famiglia Joy Division/New Order, di Sound e Psichedelic Furs, di Chameleons e Dead Can Dance, di Cure e Sad Lovers and Giants, di quei driving bass e di quel sentimento così prezioso dell’oscurità, di quelle prime fughe etniche e di quelle chitarre fuse nella ritmica tambureggiante, di quelle tastiere sciabolanti nel buio e di quei gridi d’aiuto in forma di canzone, trovarono di che consolarsi.

E presero a tuffarsi a volo d’angelo negli abissi d’asfalto delle metropoli, come Stella.

A guardarsi attraverso le lenti di una camera per rimuovere il dolore, dopo la caduta dalla grazia.

A cercare di liberarsi dalla gabbia del corpo che impedisce di danzare col proprio amore.

A cacciare gli spettri di Glen Johnson, ultimi eredi della splendida decadenza europea.

A riflettere nel baritono di Matt Berninger tante altre voci crepuscolari del passato.

Annunci
No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: