Skip to content

Matinée dionisiache

8 ottobre 2013

L’altra mattina ho visto Le baccanti, un peplum niente male di Giorgio Ferroni (reduce da un cult dell’italian gothic come Il mulino delle donne di pietra), che con la tipica sfacciataggine colto-proto-pop dell’epoca rivendica Euripide come fonte.

C’è la ribellione dionisiaca della gioventù alle regole del mondo adulto, rappresentato dalla tirannia di Alberto Lupo, come nei musicarelli fulciani. Ci sono i colori baviani del contemporaneo Ercole al centro della Terra nelle grotte dove Dionisio tiene il suo orgiastico regno. Ci sono le coreografie di Herbert Ross, che fanno incontrare Tersicore e Broadway. C’è un cast di quelli bizzarri e scintillanti delle coproduzioni dell’epoca, con la stella finlandese Taina Elg e Akim Tamiroff che fa Tiresia, la post bellamapovera Alessandra Panaro e l’attor giovane Raf Mattioli, morto durante le riprese ad aggiungere il tocco maledetto.

Chissà che Juri Camisasca non ne abbia tratto ispirazione per le sue, di baccanti, laddove in mezzo alle immagini mi(s)tico atomiche, spunta anche il fantasma di Cinecittà.

Annunci
No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: