Skip to content

Le parole sono bollenti

20 giugno 2013

Tra le tante distorsioni linguistiche proprie della comunicazione contemporanea, mi fanno impazzire quelle legate alla metereologia.

Ultimo (o magari penultimo) esempio, l’idiotissima corsa al battesimo di qualsiasi minima perturbazione o anticiclone inaugurata l’anno scorso da un certo sito e ripresa senza colpo ferire da giornali supposti “seri”. Ma ormai affermata da tempo è la titolazione standard per giorni afosi come questi, in cui le stelle polari sono due parole: “temperature” e “record”. Quando poi si va a leggere l’articolo sottostante, si scopre invariabilmente che in un po’ di città il termomentro arriverà a 35 gradi, come se fosse la prima volta nella storia a giugno. Ora, un record è un record, non si scappa. Vuol dire qualcosa di mai raggiunto (nel lancio del disco, nei panini strafogati in un minuto, nelle temperature raggiunte in un determinato luogo in un determinato tempo). 35 gradi a Roma il 20 giugno sono un caldo osceno e ai limiti dell’insopportabilità, ma non sono un record.

Siccome il linguaggio agisce sulle menti, la conseguenza pericolosa insita in tale indebita spettacolarizzazione di singoli eventi climatici senza rilevanza è che chi usufruisce di tale informazione alla fine viene anestetizzato rispetto al vero problema, che non è la singola ondata di calore, ma il riscaldamento globale. Quello sì, da record, altro che Ade e stupidaggini accluse.

Annunci
No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: