Skip to content

These are the songs of my life: Quoting Francesco Edition

28 maggio 2013

Chi mi conosce sa che sono una macchina da citazioni. Basta una parola e partono le virgolette.

In questo senso, uno che mi ha attaccato dei vizi inguaribili è De Gregori.

Non c’è niente da fare.

Basta che a qualcuno (di solito mia madre) scappi un “giovane giovane”, che una molla scatta dentro e sono costretto a completare “e figlio di buona donna, e pure ladro, con un sorriso tutto denti di cane, si nascondeva dietro una serie di ‘che ne so’” (qui ci stanno anche le virgolette en abyme).

Se è il momento di salutare, un “ciao” non può che evolversi in “andarsene era scritto perciò ciao ciao, bella ragazza che non m’hai capito mai“.

Se c’è da dare ragione è obbligatorio chiosare “è giusto quel che dici ma i tuoi calci fanno male“.

Ma quel che in fondo in fondo aspetto è che qualcuno se ne esca con un “è una sera” per completare, com’è giusto, “che il fiore mi pesa e le stelle trattengono i loro segreti più freddamente che mai, guardo le mi povere cose, una foto di Angela Davis muore lentamente sul muro, e a me di lei non me n’è fregato niente mai…

 

Annunci
No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: