Skip to content

La solita vecchia questione degli accenti

2 maggio 2013

E io che pensavo l’imbarbarimento accentuativo fosse cosa degli ultimi anni: mi ritrovo a leggere un precario (di impaginazione) volume Garzanti del 1966 (La nuvola nera di Fred Hoyle, tradotto da Bianciardi – uno di quei lavoracci di traduzione stigmatizzati ne La vita agra, insomma), e tutti i perché, sé, né, portano il famigerato accentro grave.

D’altra parte, amo Bollati Boringhieri: ho appena letto Topsy, e i sé stessa/e/i/o tengono il loro ormai semiestinto accento, che invece mi piace, un po’ anacronisticamente, recuperare dall’oblio cui l’hanno condannato le semplificatorie scelte redazionali di quasi tutti gli altri editori.

Annunci
No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: