Skip to content

Ex Libris 78 (nomi)

3 febbraio 2013

Snapshot_20130203_1

 

Ok, pausa. È il momento, l’avevo preannunciato, inutile girarci attorno. Dico il discorso sulla mia vera identità. Il mio nome. È. Non ridete. Coscienza.

Immaginate cosa vuol dire portarsi addosso, da bambina, un nome di questo peso, per giunta insieme agli occhiali, all’apparecchio dei denti e a una fronte smisuratamente alta. Mio padre, che non era illuminista e prefemminista come mia madre, prima di lasciarla fece in tempo a convertire gradualmente il mio nome in un più prosaico e pacifico Enza, ma mia madre riuscì a spolverare la mia coscienza infelice chiamandomi sempre per intero, e con quella sua tipica cadenza prolungata, specialmente al centro delle parole, che rendeva il nome infinito e minaccioso. Coscieeeeeenza!

Be’, almeno non erano ancora di moda, quando nacqui, la Consapevolezza e l’Energia. Sarei diventata Consa, Lezza? O Gia?

Annunci
No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: