Skip to content

These are the songs of my life: Sacred Edition

29 novembre 2012

La musica sacra contamina l’anima con uno slancio che somiglia alla fede senza che lo sia.

Amélie Nothomb dixit.

Mi viene da applicare lo splendido aforisma non solo ai canti gregoriani e a Bach, ma anche al Kyrie della messa sincretica dei Popol Vuh, o all’inno panico degli Epsilon Indi che Katya Sanna innalza dalla terra alle stelle.

Ma anche alla pura saggezza del gospel rock di George (che moriva oggi 11 anni fa), o al calore mistico del celtic soul di Van the Man, vero e proprio caminetto dello spirito.

We believe in music, for sure.

No comments yet

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: