Skip to content

Ex Libris 61 («Io sono te.»)

6 ottobre 2012

«Okay, proviamo di nuovo» disse lui. «Cosa sei?»

Per la prima volta lei ebbe un sorriso genuino. Fu una trasformazione, ma non del genere che potesse farlo sentire più tranquillo: non la fece sembrare meno adulta. «Lo sai» rispose lei.

Insistette. «Cosa sei?»

Sorrise porgendogli quella straordinaria risposta. «Sono te.»

«No. Io sono io. Tu sei tu.»

«Io sono te.»

«Cosa sei?» Le parole gli uscirono disperate, prive del significato che aveva dato loro la prima volta.

In quell’istante ma solo per un secondo fu di nuovo nella via di New York, e la persona di fronte a lui non era l’elegante anonima signora abbronzata bensì suo fratello David, il volto corroso e il corpo ricoperto dagli indumenti strappati e marcescenti nella tomba.

Advertisements
No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: