Skip to content

Ex Libris 46 (suburbia)

16 giugno 2012

«Come vedete, si tratta perlopiù di queste casette in calcestruzzo coi furgoni parcheggiati fuori: idraulici, falegnami e gentucola indigena del genere. E poi, alla fine», e puntò quella rigida pistola che era il suo indice contro qualcosa al di là del parabrezza in un gesto di sincero ammonimento, facendo tintinnare e suonare contro il volante un bel po’ di braccialetti, «alla fine questa strada conduce a un nuovo complesso veramente orrendo chiamato Revolutionary Hill Estate, enormi villette a due piani dipinte dei più nauseanti colori pastello, e oltretutto terribilmente care. Non riesco a capire perché. No, il posto che voglio mostrarvi non ha assolutamente nulla a che fare con questo. Uno dei nostri cari piccoli imprenditori locali lo ha costruito subito dopo la guerra, non so se mi spiego, prima che prendessero il via le costruzioni davvero atroci. È un amore di casa in una posizione deliziosa. Linee semplici e pure, bei prati, l’ideale per i bambini. È subito dopo la prossima curva, e come vedete la strada qui è migliore, vero? Ecco, ci siamo. Quella casetta bianca, la vedete? Carina, vero? Vedete com’è deliziosa, in cima a quella salitella?»

No comments yet

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: