Skip to content

Vitagatta – possedimenti

14 maggio 2012

Pensavo l’altra sera alle dinamiche dei possedimenti materiali felini.

Insomma, c’era un amico che parlava della democraticità dei gatti, e io pensavo, ma i gatti non sono democratici. I gatti sono… non direi anarchici, non proprio. Sono autocratici, ecco. Ognuno di loro comanda. E ognuno di loro è padrone di quello che staziona entro i confini dell’orizzonte del loro sguardo.

Così ho iniziato a elencare mentalmente i possedimenti felini in casa Borri/Graziani.

Ne è venuto fuori un quadro abbastanza interessante. Credo.

Allora, Emily possiede il frigorifero ed Hermione. Sue anche le coccole rare, quelle che quando ci sono, hanno la precedenza assoluta proprio perché rare. È suo anche il mio armadio e i panni lavati.

Aristillo ha il dominio sui cartoccetti. Qualsiasi cartoccetto. Questo però merita un post a parte (Dinamiche del cartoccetto). Ha anche Mascherina e il parco, quando riesce a uscire di casa. Le ragnatele e le zozzerie sono tutte sue. I nasi umani anche.

Moka ha il mio grembo ma solo quando sto sul divano. Il letto fra Ale e me è suo tutte le notti, a parte quando Willow fa prima di lui. Ultimamente però preferisce entrare nel letto quando Ale si alza. Anche io sono sua. Smetto di essere sua quando nei dintorni c’è Tigrillo, perché allora passo di mano, e divento di Tigrillo.

A Tigrillo non importa di avere nient’altro, vuole solo me, per gli altri solo soffi.

Mascherina ha tutte le librerie e i posticini alti (tra cui l’armadietto dei medicinali e quello dello specchio in bagno) con l’eccezione della zona cuccia (sull’armadio) e della libreria accanto al divano, che sono di Hermione.

Hermione ha Ale, il frigo in società con Emily, la credenza in società con Hernan.

Hernan ha le capocciatine, i Maestri del colore di Ale e i suoi vinili.

Willow ha quasi tutto, oggetti, felini e umani.

Nando ha la tastiera del pc (anche questo merita post a parte) me stessa quando sono fuori e lui non è lì, e le stanze chiuse, quando lui è chiuso fuori.

Il divano è di tutti appena uno di noi umani ci si siede sopra, sennò se lo contendono il trio Moka-Masche-Aristillo con Tigrillo a fare da jolly.

I trasportini sono di tutti tranne quando scendiamo a Roma, in tal caso diventano di Miki.

Miki ha anche Aristillo, quando si vedono.

Le ciotole sono di tutti, i piatti e le pentole anche. Il tiragraffi è di tutti.

La spazzola, il rotolo levapeli, il roomba, l’antiparassitario, le medicine non sono di nessuno.

continua…

Annunci
One Comment leave one →
  1. 14 maggio 2012 15:33

    Ah ah ah quanto hai ragione. Bellissimo. Marino

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: