Skip to content

Ex Libris 38 (la pecora è nel bosco)

21 aprile 2012

Nel bosco era ancora notte e c’era la stessa tranquillità del sonno. Il bisbiglio del vento non osava arrivare fin lì e gli alberi tacevano.

Anche le pecore tacevano impressionate. Alberi! Le pecore erano un po’ sorprese. Così tanti! Fino a quel momento avevano conosciuto gli alberi solamente come esseri solitari, inoffensivi dispensatori di ombre, ai quali era possibile rosicchiare impunemente la corteccia e strofinarsi finché quel punto del tronco fosse diventato talmente liscio e lucido da non offrire più un sollievo soddisfacente.

Ma lì, all’improvviso, era pieno di alberi, tronco a tronco, un enorme gregge talmente fitto che le pecore non potevano avanzare nella loro formazione preferita, e cioè tutte insieme, bensì soltanto in fila per due, per tre o singolarmente. La cosa non era di loro gradimento. Dietro ogni tronco poteva esserci qualcosa in agguato e le pecore avevano la spiacevole sennsazione che gli stessi alberi facessero loro la posta, simili a gatti molto pazienti con topi molto cauti. Sebbene le pecore avanzassero con molta prudenza, titubanti e lente, i loro cuori correvano al galoppo. Sentivano la mancanza del cielo.

No comments yet

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: