Skip to content

Risvegli (prematuri)

27 gennaio 2012

Dovrebbe esserci una parola per descrivere la sensazione: svegliarsi quando ancora non è tempo di scrostare il corpo dalle lenzuola (perché ci si è dimenticati la sveglia accesa, perché un gatto decide di farsi una passeggiatina notturna, o qualche rumore esterno supera i doppi vetri), guardare l’ora, girarsi dall’altra parte e ronf.

Io la ricordo al suo massimo ai tempi della scuola, quando magari la mattinata presentava qualche linea di febbre, non tanta da ottundere completamente i sensi, ma abbastanza da consigliare uno-due giorni di riposo. Una delle forme terrene della felicità, invero.

Quanto ai risvegli cinematografici, ne ho una serie chiara in mente, per me insuperabile nella messa in scena del sinuoso languore del momento: quella di À la verticale de l’été di Tran Anh Hung, accompagnata da Arab Strap o Lou Reed. Li trovate qui, qui, qui, qui,

No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: