Skip to content

Profiling

23 settembre 2011

Ne ha parlato Luca Sofri a proposito della disattivazione del profilo Facebook del padre (poi riattivato).

Ne ha parlato a più riprese Lara Manni a proposito della disattivazione dei profili con pseudonimo.

A me sorgono un paio di riflessioni.

Su chi dice (spuntano sempre): sei a casa d’altri, accetti le regole e stai zitto. Mi pare una concezione un po’ fascista del web, di quella cosa immateriale cioè che se ha conquistato tanti, tra l’altro, è proprio per il suo policentrismo, per l’uso creativo e personalizzato che si può (poteva) fare dei mezzi a disposizione dell’utente. L’idea che se qualcosa è gratis uno poi non ha il diritto di lamentarsi a suo proposito, la trovo abbastanza agghiacciante, del tipo che se ti regalano una macchina coi freni manomessi, mica puoi dir niente dopo che ti sei spiaccicato contro un muro. Molto italiana, anche, come forma mentis. Come quei tizi in una discussione online sul nostro paesino, il cui senso era, stringi stringi: non ti sta bene come siamo fatti?, mbeh, vedi di andartene, e pure subito. Non concilia la discussione, tale atteggiamento, nevvero.

Sulle risposte di FB alle lamentele: magari è un po’ facile, dopo aver visto The Social Network, proiettare la natura paranoide del creatore sulla creatura, però certi toni degli emissari lasciano quantomeno colpiti. Scrivere a chi è stato privato del suo profilo con ragioni bizzarre, senza previo avviso, come la minima etichetta richiederebbe, e dopo aver evocato la sacra “fiducia” della sacra “Comunità”, che “purtroppo non riattiveremo il tuo account per nessun motivo” rivela (a parte l’orripilante e ambigua doppia negazione) una mentalità che richiama più la polizia segreta di qualche regime dell’est che geniali geeks in ciavatte. Come lo specificare che “non è consentito creare profili per rappresentare… animali domestici, idee od (od???) oggetti inanimati”. Una rigidità, una frigidità di pensiero, direi, sconcertante, quasi analogica, eppur scavalcata a piè pari dall’ingegno degli utenti, per fortuna.

Adesso vi saluto, che vado a linkare ‘sto post su Facebook.

2 commenti leave one →
  1. spiderman permalink
    24 settembre 2011 13:56

    … la soluzione è semplice: fiero di non essere iscritto!!!

  2. 25 settembre 2011 14:14

    Questo commento me lo aspettavo…

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: