Skip to content

Burnout

10 giugno 2010

Questi giorni mi sento un po’ in burnout. Diciamo come lui.

Sarà che dopo che uno si è perso nel bianco, è difficile tornare alla realtà.

Sarà che essere lasciati a piedi due volte in tre giorni dalla macchina non è bello. (Soprattutto se la seconda volta ti devi fare a piedi Labico-Artena, e non sei proprio Werner Herzog.)

Sarà che vivere in una democrazia in libertà vigilata logora, dopo qualche anno.

Sarà che su Rai4 hanno fatto l’inafferrabile The Keep in una bella edizione widescreen e me lo son fatto sfuggire.

Sarà che immergersi in The Road non è che ti mette in uno stato d’animo esattamente ye-ye.

Però io ho idea che tutto è cominciato quando, sbirciando incauto dentro una vetrina, li ho rivisti. Io che speravo fossero una moda 2009 prontamente sepolta dal buon gusto. Io che credevo l’umanità stesse sul punto di giungere a una novella consapevolezza. Io che li avevo faticosamente rimossi dal campo della coscienza. E invece no, rieccoli, usciti dal letargo, pronti a calcare le strade del cool, dell’in, del posh.

Loro.

Loro no. Non posso farcela. Millenni di civiltà per arrivare a questo, no, non posso accettarlo.

Signora mia, dove andremo a finire, di questo passo.

Annunci
No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: