Skip to content

Quella volta da Baladin

17 agosto 2009

Eravamo in debito, da circa un mesetto ormai, di un post eno-gastronomico in stile Gianni e Paola Mura, ed eccoci qui.

Insomma, visto che quest’anno niente Austria, ci siam detti: “Perché non fare quel salto da Baladin di cui vagheggiavamo già da un po’?” Così, dal fresco rifugio appenninico, lo scorso 14 di luglio ci siam messi sulla strada arroventata in direzione Piozzo. Sosta a Sarzana per immergerci nella tipica atmosfera risorgimentale della cittadina, e per gustarci un po’ di farinata e di sema (poi prontamente replicata dalla Vale) da Silvio.

Quindi, dopo tanta costa ligure, via verso l’interno, un po’ di gimkane tra le vigne langarole, ed eccoci a destinazione, cotti a puntino. Ora, in piazza a Piozzo (ops), da una parte c’è Le Baladin inteso come birreria, dall’altra, acccanto al comune, Baladin inteso come Casa. Solo che il posto non ha insegna (Teo, ci dicono dopo, preferisce così, per dare proprio il senso di casa), cosicché siamo finiti per prima cosa dai vicini, dove abbiam fatto amicizia con un cagnotto in vena di giochi.

Piozzo

Alla fine abbiamo beccato il portone giusto, ed eccoci a destinazione. Avevamo prenotato la stanza cinese, ma siccome ce ne sono altre libere, diamo un’occhiata: quella anni 70 affascina soprattutto Ale, che si vede già proiettato in un giallo di Fulci o Martino, ma alla fine optiamo per la zen.

Zen

Dopo un tonificante bagno turco con tisana acclusa, ci rilassiamo nel living prima della cena, e decidiamo che ne vogliamo uno così: una grande sala con travi a vista, una scala in fondo per cui si accede al soppalco su cui ci sono le stanze da letto con una passerella affacciata sulla sala stessa, una veranda-sala pranzo che dà sul giardino interno, il camino al centro nell’angolo relax.

Living 2

E naturalmente i pezzi di antiquariato e design country-etnico, ovvio.

Living 1

Ed ecco quello che ci ha preparato Fabrizio (ogni portata ovviamente accompagnata da una diversa birra baladiniana, che, furbi, non ci siamo segnati):

focaccia di kamut servita con un’infusione di tè a freddo

insalata con riso soffiato al wasabi e lamponi disidratati,
accompagnata da sidro

Piatto

raviolini con crema di patate cotti al vapore e fritti

gnocchetti di polenta con pesto di pistacchi di Bronte (clamorosi)

linguine alle verdure

involtini vegetali per Ale e formaggio alla birra con gelatine di birra per Vale

gelato alla liquirizia e cassata servito con la Xyaoyù
(oddio, la Xyaoyù, se non la si prova non si capisce…)

E così, satollissimi, ce ne siamo andati a nanna. Peccato che il simpaticissimo prete del paese abbia il vizietto di suonare le ore e le mezze per tutta la santissima notte… A parte il tribolato riposo, una sosta indubbiamente memorabile. La mattina dopo ci siam presi un paio di bottiglie, e via, verso nuove avventure (o meglio nuova farinata a Portovenere).

Per servirvi,

Noi

Ps Ormai siamo in trip con la birra artigianale. Qualche giorno fa siamo andati da Bir&Fud, che ancora non avevamo visitato, e… SLURP!
Decisamente non potremmo vivere in Malesia.

7 commenti leave one →
  1. 17 agosto 2009 11:59

    Decisamente.
    In Malesia a una come me taglierebbero la testa…
    Ma io cerco di pensare ad altro: alla birra di castagne, per esempio, e alla visita che faremo ‘st’altr’anno alla fabbrica.

  2. 17 agosto 2009 12:04

    Ah, già, dimenticavamo, abbiam pure assaggiato la Beltaine, che fanno a Granaglione, vicino a Badi, soprattutto con le castagne. La fabbrica quando siamo andati era chiusa, ma si possono prenotare visite, quindi, magari, l’anno prossimo…

  3. 16 giugno 2010 12:02

    Chissà perché prevedo che presto ci andrò 😉

  4. alevale permalink*
    17 giugno 2010 11:43

    Ah, birra artigianale…

  5. 31 maggio 2011 13:22

    Che poi in realtà alla Beltaine è piuttosto arduo, far visite. Ci si accontenta di qualche bottiglia d’estate!

  6. 14 giugno 2011 16:04

    Ho aggiornato i link con le nuove pagine, ma tanto mi reindirizza sempre sulla home… vabbè, va. Cliccate sulle iconcine e godetevi il mondo Baladin…

Trackbacks

  1. Dubbi amletici « V(ale)ntinamente

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: