Skip to content

Quel certo non so che del carattere felino

4 agosto 2009

bastis-pet-bed[1]Ci sono voluti ben quattro gatti per veder usata la cuccia che noi – sull’onda dell’entusiasmo neo-genitoriale* – avevamo comprato per Percy.

Percy, si sa, ha ben preciso in mente quello che vuole, e conosce i mezzi per ottenerlo. Dopo aver divorziato da me, è andato a cercarsi da solo una famiglia che lo adottasse. Ha un debole per le donne giunoniche e ridanciane.

Emily ha dormito in Bästis un paio di notti, una volta esaurita la novità (lei viene dalla strada) si è trovata una sistemazione a suo dire più confacente al suo lignaggio: il mio armadio.

L’arrivo dei tre tremendi è coinciso con uno stravolgimento degli usi notturni. Hernan, che aveva subodorato il prossimo sfratto (in fondo non è che lo avremmo buttato in una strada, viveva comunque nel giardino, prima della malattia) ha ideato il perfetto stratagemma per intenerirci: usare la ormai da tempo vacante cuccia come se fosse il letto più comodo del creato. Se non che (e chi conosce i gatti, potrà confermarlo) quel certo non so che del carattere felino ha operato un paio di scambi… Hermione, con la scusa che lei è una gatta affettuosa e liscia i suoi coinquilini, si è appropriata – centimetro dopo centimetro, di tutto lo spazio della cuccia. Hernan ormai aveva capito che nessuno lo avrebbe più messo alla porta, e si è appropriato di un angolo dell’armadio. In alto a sinistra. Emily ha improvvisamente scoperto che se non sta nella cuccia non riesce ad addormentarsi, quindi con la stessa manovra di Hermione (ma differente metodologia: zampate e soffi) si è insinuata fra Hermione stessa e la cuccia. Ad Hermi non importa nulla, lei ormai predilige il fianco di Ale, meglio se nudo e soggetto a solletico.

Quanto ad Aristillo, non c’è mai stato niente da fare: lui vuole dormire solo nel trasportino. La cosa che non mi spiego è: perché a casa ci passa così tanto tempo, e appena viene il momento di scarrozzarlo da qualche parte,  attacca con le lamentazioni?

*genitoriale inteso come responsabilità e cura di qualcuno che ci è affidato. A qualcuno darà fastidio l’accostamento, forse, ma così la penso.

5 commenti leave one →
  1. 4 agosto 2009 11:33

    GATTI!

  2. Vale permalink
    4 agosto 2009 12:05

    Anche Romins ha un paio di gatti “da trasportino”…
    http://logorromins.splinder.com/post/21076278?371

  3. 5 agosto 2009 08:37

    Ma dai, pure la citazione!!!!

    Comunque, mai farsi schiavizzare dai gatti!

  4. 5 agosto 2009 10:03

    Ro, mi sa che è troppo tardi…

Trackbacks

  1. Quel certo non so che del carattere felino – aggiornamento « V(ale)ntinamente

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: