Skip to content

Ex Libris 53 (linea guida)

29 luglio 2012

Di mattina all’orfanotrofio ci poteva essere un velo di nebbia, un fumo bianco che saliva dalla terra. Nel punto in cui incontrava il cielo illuminato dal sole, le gocce di rugiada pendevano dalla tela del ragno. Grandi, con riflessi curvi e rovesciati dei fili bianchi, dell’erba velata di nebbia e del proprio viso. Come se nel passaggio fra l’acqua della terra e il fuoco del cielo nascessero piccoli universi a forma di globo. Da qualche parte, nella bellezza muta di questi mondi curvi e riflessi, si poteva riconoscere se stessi dai capelli a spazzola.

La tela, la luce, la rugiada, tutto doveva essere parte dell’ambiente e della natura del ragno. Ma non come limitazione, non come isolamento, allora non lo vedevamo così, non sono mai riuscito a vederlo così nemmeno in seguito. La natura non è una camicia di forza che dev’essere strappata. La natura è una grazia, una possibilità di crescita offerta a tutti gli esseri viventi.

Come una linea guida nella tua vita.

About these ads
No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 47 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: